Lavastoviglie, suggerimenti per la ‘prima volta’

Quando in casa arriva una lavastoviglie cambiano di colpo le abitudini dei componenti il nucleo familiare, soprattutto per la donna chiamata a fare le faccende domestiche, che troverà in questa macchina una preziosa alleata ecologica in grado di risparmiarle uno dei compiti più odiosi, che fa seguito a un piacevole momento conviviale: lavare i piatti. Se è la prima volta che si usa una lavastoviglie si dovrà familiarizzare con la nuova arrivata, magari ha un ‘caratterino’ niente male e va presa con le molle, oppure è così ermetica da non sapere come trattarla o ancora incomprensibile al punto da non sapere proprio dove mettere le mani. In questi casi una ripassatina al manuale di istruzioni può essere illuminante, ma anche qualche piccolo suggerimento può rivelarsi utile.

Lo sapevate, ad esempio, che la lavastoviglie consuma molta meno acqua ed energia elettrica di quanto non si sprechi lavando i piatti a mano? Motivo in più per volerle bene e trattarla in guanti bianchi. Ma se non sapete da dove cominciare potreste fare dei passi falsi che rischiano di farla reagire male, con conseguenti flop o risultati al di sotto delle aspettative. Nell’uso della lavastoviglie vanno sempre osservate delle piccole regole, in primis va azionata solo quando è a pieno carico e se si impostano programmi a basse temperature o ‘eco’, sempre che le stoviglie non siano eccessivamente sporche, si otterrà un risparmio fino a 1500 litri d’acqua.

Scegliere programmi a basse temperature farà risparmiare anche l’energia elettrica, si calcola che un ciclo di lavaggio a 50 gradi comporti un notevole risparmio energetico. Sì, ma se le stoviglie sono sporche e incrostate? In tal caso, anziché delegare l’arduo compito di pulirle alla sola lavastoviglie, sarà meglio fare un lavoro di squadra e la bolletta sarà di sicuro più leggera. Tutti accorgimenti che faranno felice la macchina e chi la comanda. Per finire, sfatiamo il luogo comune si può mettere di tutto in lavastoviglie. Certo, se si vuole provare a imbottirla tutto un po’ sarà a nostro rischio e pericolo, ma è sottinteso che come gli indumenti da mettere in lavatrice vanno separati, anche per la lavastoviglie dovrebbe valere l’accortezza di dividere, ad esempio, i contenitori in plastica dai piatti decorati per non ritrovarsi poi a doverli rimpiangere. Altre utili informazioni potrete trovarle su www.sceltalavastoviglie.it.